APNEA 1ª edizione (2017)

hometest4

COME FUNZIONA

Ogni settimana è fissata una scadenza per il lavoro sul testo. Ogni quindici giorni ci sarà un incontro coordinatrice/allievi della durata di due ore. Alla fine di ogni mese s’incontreranno gli autori per discutere delle critiche e delle proposte più efficaci. Tutto si svolgerà online, perché la buona scrittura e il buon editing non possono farsi fermare dalla geografia.

Il lavoro degli allievi-editor sarà argomentare (scritto e orale) le proprie analisi sui testi, esercitarsi a (pensare per poi) scrivere le valutazioni, scomporre i romanzi per svelarne i meccanismi narrativi e formali, porre domande, proporre soluzioni, guardare alle storie scritte dagli altri con rispetto (sì, anche questo s’impara). Farsi avanti, consigliare, prendere la penna, cancellare, annotare ai margini. Appassionarsi.

Agli autori verrà chiesto, ogni qual volta ne saranno d’accordo, di ri-scrivere secondo i consigli della classe. Gli autori che parteciperanno al progetto sperimentale sono Deborah Donato e Luca Mercadante e i loro romanzi s’intitolano “Invenzioni a quattro voci” e “Presunzione”.
La classe partirà come gruppo unico per le prime due lezioni e poi si dividerà in due gruppi, ognuno dei quali seguirà la riscrittura di uno dei due romanzi.

COME SI PARTECIPA

Per entrare nella classe di editing bisogna inviare una lettera di presentazione. Bisogna poi scrivere un documento di analisi (nella forma che si preferisce: discorsiva o schematica, colloquiale o formale) di max due pagine su questo racconto che s’intitola: sbiaditi.
Il tutto va inviato a francescadelena@gmail.com entro il 23 dicembre (Buon Natale!)

CALENDARIO DEGLI INCONTRI

16 Gennaio: lettura prime 20 pagine (vediamo com’è) – con Luca Briasco

30 Gennaio: lettura integrale (ok, dammi qui)

15 Febbraio: tema del romanzo (di che mi racconti?) e idea del romanzo (e tu che ne pensi?)

1º Marzo: personaggi (chi c’è?)

15 Marzo: relazioni (come sta in mezzo agli altri?) e conflitti (quindi il problema è questo?)

30 Marzo: trama (e che succede?)

13 Aprile: ancora trama (e poi, dopo?)

30 Aprile: composizione e montaggio (tutto questo come si svolge?)

15 Maggio: forma (e come si tiene in piedi?)

30 Maggio: stile (mi mostri come fai quando pensi?) e lingua (e mi fai vedere come parli?)

15 Giugno voce (quindi tu sei questo?)

30 Giugno revisione finale (sei pronto per uscire?) e correzione (aggiustati!) – con Sara Cappai

INFO E COSTI

Questo laboratorio è un esperimento, quindi ha un costo politico di 500,00 euro (da versare in 2 soluzioni: 250 iscrizione, 250 aprile). I partecipanti del prossimo anno non dovranno prendere a esempio questo costo.

CHI È FRANCESCA DE LENA
Lettrice professionista, editor, scout free lance e indipendente
Se hai bisogno di consigli o di una guida per scrivere/riscrivere la tua storia mi trovi su http://www.ilibrideglialtri.com
Se credi nel tuo progetto narrativo e vuoi provare a vedere se ci credo anch’io al punto da presentarlo a editori e agenzie puoi scrivermi a francescadelena@gmail.com
Lavoro con la The Italian Literary Agency
Ho una rubrica di valutazione inediti sulla rivista di critica letteraria Satisfiction
Progetto e conduco laboratori di scrittura e editing

CHI È LUCA BRIASCO
americanista, traduttore, saggista e per dieci anni editor di Einaudi Stile Libero

CHI È SARA CAPPAI
cresciuta in Sardegna attualmente vive e lavora a Roma. Laureata in Filosofia, dopo anni di esperienza nel mondo della scuola come assistente a ragazzi sordi, ha deciso di dedicarsi con passione e dedizione all’editoria. Collabora come free lance con case editrici, service e agenzie

CHI È DEBORAH DONATO
Si occupa di estetica, scrittura e filosofia del linguaggio. Ha pubblicato testi su Wittgenstein, sull’estetica di Croce, sulla fisica quantistica e tradotto testi di Hegel e Schrödinger. Ama Bach e Proust, scrivere e suonare il pianoforte. Collabora con la rivista «Complessità» e insegna lettere nella scuola secondaria di primo grado.

CHI È LUCA MERCADANTE
Nato nel 1976 a Caserta. Si è formato presso il Piccolo Teatro Caligola di Aversa e la scuola di scrittura creativa Lalineascritta di Antonella Cilento. Ha frequentato un workshop diretto da Giulio Mozzi e il laboratorio di Jurij Leonowitsch Alschitzmi (direttore dell’accademia di arte drammatica di Berlino) incentrato sulla costruzione del personaggio attraverso il racconto orale. Ha collaborato con il Piccolo Teatro Caligola e partecipato con un proprio spettacolo “Che poi dice: la paura di Pietro” alla sezione affabulatori del Festival internazionale di Certaldo. Ha pubblicato suoi racconti su: L’inquieto d’anzia, Colla una rivista letteraria in crisi, Granta Italia on line.

“INVENZIONI A QUATTRO VOCI”
Dopo la morte dei genitori in un incidente stradale, Giulia trova in un armadio i diari della madre e scopre della sua relazione con Tiziano Monticelli, un famoso pianista. Il desiderio di scoprire la vera vita di sua madre porterà Giulia a riscrivere il proprio passato, a modificare alcune sue scelte del presente e a invischiarsi in una relazione inimmaginabile. Il romanzo si snoda su tre piani temporali: il primo narra la vita di Tiziano, Virginia e Mauro, la loro adolescenza al Conservatorio e la fulminea consacrazione di Tiziano come solista; il secondo narra della vita matrimoniale di Mauro e Virginia e della relazione di lei con Tiziano, dell’incapacità di Virginia di scegliere fra i due e della sua nuova vita di madre; la terza narra del rapporto tra Giulia e Tiziano. Il romanzo alterna quattro voci narranti: Giulia, Virginia, Mauro, Camilla.

“PRESUNZIONE”
Bruno è ansioso di cominciare l’ultimo anno di liceo, dopo il quale potrà finalmente lasciare l’arretrato paese in cui è nato. Ma suo zio, un testardo comunista hippie, scompare due settimane prima dell’inizio della scuola. Il padre di Bruno si convince, contro ogni logica, che si tratti di un caso di lupara bianca e s’imbarca in una farneticante attività tesa al riconoscimento dello status di vittima della camorra per il fratello. Bruno dovrà abbandonare il fiero isolamento diventando, suo malgrado, popolare. Tradirà la famiglia, i pochi amici e le istituzioni; s’innamorerà per la prima volta e per la prima volta imbraccerà un fucile.