All posts filed under: bestiario

Il mito della politica del ’68, “quella vera”

di Luca Simonetti In un libriccino di Alain Badiou sul ’68 (Ribellarsi è giusto!, Orthotes, 2018), che peraltro contiene qualche pagina inaspettatamente pregevole, si leggono cose che dovrebbero sorprendere, ma che in realtà non lo fanno, perché le sentiamo ripetere da così tanto tempo da esserci ormai abituati. Esempi: a p.13, Badiou ci spiega che “la politica, quella vera” mira “a cambiare radicalmente il mondo”. a p.15, ci spiega che Daniel Cohn-Bendit è “divenuto oramai… un politico ordinario” (nel ’68, evidentemente, doveva essere un politico “vero”, cioè straordinario). a p.54-55, apprendiamo che il famoso motto sessantottardo “Elections, piège à cons!” non era “un semplice clamore ideologico” ma esprimeva una grande verità: infatti, “dopo un grande mese di mobilitazione studentesca, operaia e popolare senza precedenti”, alle elezioni i gollisti presero una maggioranza anch’essa senza precedenti. Quale sarebbe la grande verità? Uno penserebbe: che le manifestazioni e le mobilitazioni non bastano a cambiare le cose. Macché: per Badiou, la grande verità è che “il dispositivo elettorale non è solo, né principalmente, un dispositivo rappresentativo, ma anche un …

Caso Moro e inesistenti luci massoniche

di Luca Simonetti “Il misterioso intermediario” di Fasanella e Rocca (Einaudi, 2003) è un libro che ipotizza un ruolo poco chiaro ma influente del compositore e direttore d’orchestra Igor Markevitch nel corso delle “trattative” che avrebbero accompagnato il caso Moro. A questo genere di libri non è il caso di chiedere prove: ci si accontenta in genere di associazioni più o meno libere, intuizioni, collegamenti spiazzanti. Peraltro il libro offre informazioni pregevolissime sulla biografia di questo personaggio davvero unico. Solo che, di tanto in tanto, si sente la mancanza di un serio approfondimento. Un esempio basti. A p. 68, parlando dell’oratorio “Il Paradiso perduto”, scritto da Markevitch su testi tratti dall’omonimo poema di John Milton, gli autori scrivono che il testo “comincia con un’invocazione alla Luce (la grande luce massonica?)”   Però basterebbe conoscere appena un po’ Milton per sapere che l’invocazione (epiclesi) alla Luce (che altro non è che la “Heavenly Muse”, Urania, invocata anche all’inizo del Libro I) si trova pari pari nel Libro III del poema miltoniano (“Hail, Holy Light!”, eccetera), e …