All posts filed under: il mestiere di leggere

Discorsi intorno al testo

Era così bella nella sua bara: la letteratura e i cliché

comments 2
il mestiere di leggere / Senza categoria

sulla letteratura Lo script-doctor Robert McKee nel suo “Story – contenuti, struttura, stile, principi per la sceneggiatura e per l’arte di scrivere storie” scrive col solito modo diretto: Potendo scegliere tra materiale banale raccontato in modo brillante e materiale profondo raccontato male, il pubblico sceglierà sempre quello banale raccontato brillantemente. I maestri narratori sanno come spremere vita dalla più banale delle cose, mentre i narratori scadenti riducono a banalità le cose più profonde. Potete avere […]

Scrivere è inseguire la verità (quello che le scuole di scrittura non dicono)

comments 5
il mestiere di leggere / Senza categoria

(Avviso: le buone scuole di scrittura sono importantissime! Iscrivetevi ai loro corsi!) Se provate a leggere il programma di un’onesta scuola di scrittura la successione degli argomenti delle lezioni che troverete sarà grosso modo questa: PUNTO DI VISTA VOCE NARRANTE STRUTTURA DELLA STORIA (I 3 ATTI) PERSONAGGI CONFLITTI TRAMA SCENE MONTAGGIO STILE EDITING Parlo dei programmi seri, non di quelli che hanno come titolo delle lezioni “l’incipit”, “il dialogo”, “la descrizione”, “il finale”. Quelli meglio […]

La tua storia non è la mia

comments 7
il mestiere di leggere / personale / Senza categoria

Io e mio figlio Andrea siamo in macchina, è appena finita la sua giornata all’asilo, lo riporto a casa, ci lamentiamo del sole che rimbalza sul parabrezza e ci acceca. Andrea dice: Mannaggia mamma, questo sole lo dobbiamo fare grigio. Io rispondo: Ma no, che tristezza il sole grigio. Andrea scoppia a piangere. Gli chiedo che succede, ma lui va avanti a singhiozzi così forti che sono costretta a fermare la macchina, raggiungerlo sul seggiolino […]

Leggere un io che parla

comment 1
apnea / il mestiere di leggere / Senza categoria

Abbiamo due romanzi. Entrambi cominciano da un “trauma”. Entrambi costruiscono le prime 20 pagine su un’alternanza di spazi e tempi (anche verbali): siamo prima qui, poi lì, poi lì, e intanto il tempo è andato avanti o indietro. Nelle prime 20 pagine dell’uno funziona meglio la struttura: si dà conto del trauma 1ª scena in luogo chiuso e collettivo: presentazione relazioni cesura: flash back rivelatore 2ª scena in luogo chiuso e collettivo: presentazione relazioni, 1ª […]

Lasciate fare la poesia ai poeti

Lascia un commento
il mestiere di leggere

Uno dei commenti che scrivo più spesso ai margini di un romanzo da valutare o editare è: sta facendo poesia. Se lo pronunciassi pubblicamente starei dicendo un’inesattezza anche abbastanza fastidiosa, perché nel mio lessico privato quella frase significa: “scrive belle parole a vuoto”, mentre la poesia è tutt’altro che questo, è anzi proprio il contrario di questo: la poesia carica le parole di significato. Ma ognuno di noi può permettersi il lusso di non correggersi […]

Buon anno, leggete Kleist!

comment 1
il mestiere di leggere / Senza categoria

Scrive Stephen Vizinczey in “I dieci comandamenti di uno scrittore”: Quanto allo stile di Kleist […] le sue frasi sono veloci eppure capaci di coprire la gran parte degli aspetti della vita – e sarebbe davvero arduo riuscire a trovarvi una sola parola ridondante. Kleist una volta lodò un amico per essere riuscito a dire anche quel che non diceva: la miglior descrizione, forse, del proprio stile denso e suggestivo. I suoi racconti sono la […]

La scrittura non è degli scrittori

comments 17
il mestiere di leggere / personale

Il mio modo di leggere è poco empatico. Ammiro un libro scritto meravigliosamente, o con un sapiente meccanismo narrativo, o con dei personaggi indimenticabili; m’interessa, m’istruisce, mi ammalia perfino, ma non mi sento partecipe. È una cosa che mi succedeva già prima e che da quando leggo per mestiere capita più spesso. Quando poi l’emozione cambia (succede con pochissimi libri*) dura per mesi, e io riconosco bene di essere stata messa allo scoperto. Mi capita allora […]

Rileggere come?

comment 1
il mestiere di leggere

Disse Flaubert a Louise Colet: “Quanto saremmo intelligenti se conoscessimo a menadito soltanto cinque o sei libri!” Ci abbiamo messo un po’ a capirlo, ma da qualche tempo parlare di ri-lettura non è più una vanità da topi di biblioteca. Si rilegge con orgoglio e se ne cantano le lodi; si dice faccia bene. Per ricordarsi dei classici, com’è giusto, ma anche per riassaporare un senso di bellezza che un libro ci ha dato molto […]

Il fascino di Gomorra esiste eccome

comments 6
il mestiere di leggere / personale

All’ippodromo di Agnano io prendevo le scommesse. Significa che i giocatori mi passavano i soldi, io li contavo, controllavo che non fossero falsi, registravo su un borderò le puntate (sul foglio ufficiale quelle fino ai 100 euro; su un foglietto che tenevo nascosto in mano quelle grosse: 500, 1000, 2000, 3000) e li mettevo in cassa. Prendere le scommesse è un lavoro che dura tre minuti. Tre minuti per otto volte: una per ogni corsa. Bisogna […]

Spazi chiusi, tempi stretti, titoli che cominciano per elle

Lascia un commento
il mestiere di leggere

Quando mi hanno proposto di occuparmi per Satisfiction di un concorso per racconti inediti mi sono detta: e ora cosa m’invento? Non credo nell’urgenza e nella necessarietà della narrativa, ma non credo neanche ai temi imposti, agli argomenti preconfezionati. Non volevo, quindi, imporre nessun tema sul quale ricamare la narrazione (racconti sulla famiglia, racconti sul cibo, racconti sulla precarietà) ma non volevo neanche lasciare gli autori a briglia sciolte. Anzi, volevo proprio imbrigliarli. Quello di imbrigliare […]