All posts filed under: personale

Me e le mie idee, con contingenza

Lista da 10: cose a cui abituarsi

Lascia un commento
Liste / personale / Senza categoria

Troppo difficile spiegare tutto a tutti, prendetevi quello che c’è. I compartimenti stagni sono nemici, pare. Ma certo che il destino esiste. Anticipare può salvarti la vita? Inutile correre, il resto del corpo è dietro l’angolo. I libri sul dolore sono gli unici da amare. Forza, prova a scambiare il mare con la montagna. Meno scivoloso, stiamo più dritti. Guarda che lei non è ancora morta. Foto in primo piano, non ne riconosco neanche uno. Niente […]

La tua storia non è la mia

comments 7
il mestiere di leggere / personale / Senza categoria

Io e mio figlio Andrea siamo in macchina, è appena finita la sua giornata all’asilo, lo riporto a casa, ci lamentiamo del sole che rimbalza sul parabrezza e ci acceca. Andrea dice: Mannaggia mamma, questo sole lo dobbiamo fare grigio. Io rispondo: Ma no, che tristezza il sole grigio. Andrea scoppia a piangere. Gli chiedo che succede, ma lui va avanti a singhiozzi così forti che sono costretta a fermare la macchina, raggiungerlo sul seggiolino […]

Lista delle mie catastrofi con la scrittura

comments 4
Liste / personale / Senza categoria

L’esercizio di scrittura creativa che segue il metodo Goldberg (scrivi per dieci minuti senza mai staccare la penna dal foglio, senza pensare, senza controllare, senza correggere gli errori). Scrivi a partire da: “Tutto è cambiato quando”. I libri che fanno male: “Vite che non sono la mia” di Emmanuel Carrère; “Ingannevole è il cuore più di ogni cosa” di J.T. Leroy; “Il giardino di cemento” di Ian McEwan; “Nati due volte” di Giuseppe Pontiggia; Ágota […]

La scrittura non è degli scrittori

comments 17
il mestiere di leggere / personale

Il mio modo di leggere è poco empatico. Ammiro un libro scritto meravigliosamente, o con un sapiente meccanismo narrativo, o con dei personaggi indimenticabili; m’interessa, m’istruisce, mi ammalia perfino, ma non mi sento partecipe. È una cosa che mi succedeva già prima e che da quando leggo per mestiere capita più spesso. Quando poi l’emozione cambia (succede con pochissimi libri*) dura per mesi, e io riconosco bene di essere stata messa allo scoperto. Mi capita allora […]

Capodanno è il 1º settembre #lista2

Lascia un commento
personale

Un anno fa scrivevo un post in cui dicevo che per me l’anno comincia il 1º settembre e che questa convinzione è l’unico retaggio che mi rimane dall’aver frequentato la scuola. Un’altra cosa che dicevo è che rivendico di aver inventato un “esercizio di scrittura” – come pare si debba chiamare – dal titolo esercizio di scrittura a casaccio e che non c’entra nulla con quelli per i quali bisogna “lasciarsi andare” a scrivere senza pensare, senza […]

Il fascino di Gomorra esiste eccome

comments 6
il mestiere di leggere / personale

All’ippodromo di Agnano io prendevo le scommesse. Significa che i giocatori mi passavano i soldi, io li contavo, controllavo che non fossero falsi, registravo su un borderò le puntate (sul foglio ufficiale quelle fino ai 100 euro; su un foglietto che tenevo nascosto in mano quelle grosse: 500, 1000, 2000, 3000) e li mettevo in cassa. Prendere le scommesse è un lavoro che dura tre minuti. Tre minuti per otto volte: una per ogni corsa. Bisogna […]

Non sparate a cazzo sulle bambine

comments 4
personale

Esattamente una settimana fa è scoppiato il “caso Augias”. Per chi non ne sapesse niente, sarebbe meglio guardare prima questo video in cui è registrato come sono andate veramente le cose, così da potersi fare un’idea senza pregiudizi. Il fatto nudo e crudo è: Augias era ospite al programma televisivo di Giovanni Floris il quale gli ha chiesto che cosa ne pensasse della morte di Fortuna Loffredo, una bambina di sei anni caduta o buttata giù dall’ottavo […]

Chi scrive vive sempre

comments 20
personale
https://www.flickr.com/photos/pikenpri/4750760189/in/photostream/

Questa è una dichiarazione politica e d’amore insieme. Sono cresciuta così, mettendo insieme l’amore e la politica, ed è quello che ancora mi viene di fare, sempre, anche quando non me ne accorgo. Le volte che me ne accorgo, ne faccio manifesto. La dichiarazione politica è questa: non mi piace l’ironia nei confronti di chi ha desiderio di scrivere. Non mi piace che venga da chi è riuscito a gratificare il proprio desiderio, e che dimentica di […]

Di coscienza e altri inganni (just another bulleted list)

comments 2
personale

obiezione di coscienza. Il mio dovere è farlo. Sono pagato per farlo. Ho giurato di farlo. Mi tocca farlo. Mi hanno ordinato di farlo. La società si aspetta che io lo faccia. Il mio lavoro richiede di farlo. Dovrei proprio farlo. C’è scritto che io lo faccia. Mi chiedono di farlo. Sono obbligato a farlo. Io non lo voglio fare. E, allora, non lo faccio. avere qualcosa sulla coscienza. Declinazione fisica del senso di colpa. Una […]

Leggere meno, leggere meglio.

comments 8
il mestiere di leggere / personale

Fino ai ventisei anni cambiavo casa di continuo. Prima dietro a mia madre o mia nonna (il nocciolo della mia famiglia matriarcale e incasinata), poi per conto mio. La “Regina dei traslochi” dicevo di essere, Dammi mezza giornata e t’inscatolo una vita. I libri li portavo via per primi. Una volta, sbattendo la porta e uscendo impaziente dalla casa di un qualche fidanzato, ho abbassato i sedili della mia vecchia Suzuki Ignis (che macchina di […]