Una stanza tutta per noi

CHE COS’È

L’esatto termine italiano dovrebbe essere tutoraggio: ma è brutto, e il tutore è qualcuno che si prende cura di te in una maniera invasiva e paternalista in cui non ci riconosciamo. Per ovviare alla bruttezza e per cercare un senso più appropriato si usa spesso il termine inglese: coaching. Il riferimento è a una guida che educa le tue capacità, ti allena, ti sprona e ti conduce a raggiungere il tuo obiettivo.
Molto meglio, e sarà quello che useremo, a patto che non si crei l’immagine di te lì a sudare come un pazzo e noi dietro a urlare “Su! Forza! No, così no! Dai, su su!”: viene mal di testa solo a pensarci.

COME FUNZIONA

C’è un solo metodo che secondo noi funziona dalla notte dei tempi ed è quello della maieutica. Vogliamo parlare con te, leggere con te quello che hai scritto, consigliarti, aggiustare il tiro, intervenire di più e meglio nei punti difficoltosi, quando ti senti perso, quando non riconosci più la tua capacità e noi invece possiamo ancora, perché abbiamo conservato uno sguardo esterno, oggettivo, positivo. Perché abbiamo esperienza e sappiamo come fare. Ci piace tenere la rotta, accompagnarti fianco a fianco, far crescere la tua scrittura, scorgere maggiore consapevolezza, lasciarti andare quando sarai pronto.

Useremo una stanza tutta per noi, arredata a seconda delle tue esigenze

[percorso personale]
[percorso di classe (max 4 persone)]
[coaching]
[coaching + editing]
[6 mesi]
[12 mesi]

pensaci, scegli da solo o decidi con noi, per ogni cosa scrivici a ilibrideglialtri@gmail.com

CHI TI ACCOGLIERÀ

foto-profilo-francesca-de-lena

 

Francesca de Lena
editor e agente letteraria della United Stories. Legge e valuta per la The Italian Literary Agency. Ha fondato e dirige I libri degli altri.

 

Mercadante_foto

 

Luca Mercadante
Menzione speciale della Giuria della XXX edizione del Premio Italo Calvino per il romanzo Presunzione, minimumfax. È autore, con Luca Trapanese, di Nata per te. Storia di Alba raccontata tra noi, Einaudi.